C’era un Mistero

       
   

 

 

 

 

 

 

 

   

 

C’era un mistero,

fitto d’amnesia,

in quel meriggio,

denso di poesia.

L’anima persa,

saliva verso il cielo

la scala d'oro,

che porta a Lui

ogni volta più vicino.

 

Dolore m’interruppe!

Ahimé le scarpe

al mondo voglio dare,

ma i passi vanno fatti,

come monete spesi!

 

Allora tornai lenta,

a seminar granelli

nella polvere del giorno,

sperando nella sera

per cogliere la traccia

che porta alla sorgente!

 

Attendi ancora un poco,

vedrai, raggiungerò

i piedi tuoi di loto,

e grata ti sarò,

nel diventar riposo,

nel letto tuo accogliente,

un canto di preghiera

amata nostalgia,

mistero senza fine,

ricolmo d’amnesia.

       
               
               
               
               
               
               
               
               
               
                     
Picture