Antichi Giorni

       
   

 

 

 

 

 

 

 

   

 

Odore di lievito,

profumo di pane,

ricordi d’un tempo,

il tempo delle campagne,

del pane e salame,

del vino e lasagne.

 

Sola, seduta, trovata,

dal solco profondo

mi chiama la vita,

empiendomi d’eco lontane:

cortili festanti di rose,

tramonti e campane,

ricordi di un caro papà.

 

Sorride il suo viso,

mai spento,

da sempre e per sempre,

sovrano contento,

in un luogo sicuro,

che pare lontano,

ma è lì, nel firmamento…

Io guardo lassù,

una lacrima

e un bacio regalo;

il vento li porta,

carezza,

leggero,

il mio viso

di bimba.

 

Capisco, respiro,

riprendo il cammino,

è l’ora del pane,

è l’ora del vino.

 

       
               
               
               
               
               
               
               
               
               
                     
Picture